IMG_4362.JPG

Mi Games Africa

In campo per la formazione

Premesse

Mi Games è nato dall’intuizione di un gruppo di ragazzi milanesi, che nel 2014 decisero di creare una manifestazione che unisse calcio 5vs5, basket 3vs3 e beach volley 4vs4 in un unico luogo. L’evento è cresciuto nel tempo, fino a diventare quello che oggi è il più grande tour sportivo in Italia, coinvolgendo oltre 7.000 atleti e più di 900 squadre. La svolta è avvenuta spostandosi dal centro sportivo alla piazza:

Nel 2015 Mi Games e Okapia si sono unite per realizzare insieme un progetto di Social Responsibility concreto e che replicasse il format sportivo originale di MiGames nelle aree rurali africane dove Okapia opera, fornendo un supporto concreto agli studenti delle scuole secondarie.

BANNER ATELIER RWANDA.JPG

Il progetto

L’obiettivo di questa manifestazione è quello di creare un momento di aggregazione e socialità fra ragazzi e ragazze provenienti da diverse aree rurali dei distretti di Rulindo e Bukavu, unendo così sport e formazione scolastica, elemento determinante per rendere possibili percorsi di vita migliori.

I Mi Games africani si svolgono con  un grande entusiasmo da parte dei presenti, dai ragazzi alle autorità locali, e rappresentano ogni volta un grande appuntamento per le comunità.

IMG_1672_edited.jpg
Backstage - Art For Future - Ep_edited.jpg

Mi Games Rwanda

Dal 2015 (con eccezione del 2020-2021) 400 studenti appartenenti alle scuole del Distretto di Rulindo si sfidano nelle discipline di pallavolo, atletica, calcio, ciclismo e sitting volley per la durata dei 3 giorni della manifestazione.

Oltre a rappresentare un importane momento di aggregazione e socialità per i ragazzi e le ragazze di diversi villaggi – a cui vengono offerti vitto, alloggio e un premio in materiale scolastico – i membri delle squadre vincitrici vengono premiati con un sostegno economico agli studi per l’anno successivo, erogato alle scuole di appartenenza.

BANNER ATELIER RWANDA.JPG

Mi Games Congo

La tappa congolese dei Mi GAMES si svolge dal 2019 a Bukavu, nella turbolenta regione del Sud Kivu. Le scuole del popoloso quartiere di Panzi iniziano la fase eliminatoria durante il mese di giugno, per giungere a quella finale a settembre, dove circa 200 studenti si sfidano per le finali di calcio, basket e pallavolo, sia maschile che femminile davanti a un pubblico di oltre 3000 giovani congolesi.

Il fine ultimo della manifestazione è l’acquisto di suppellettili e materiali scolastici per le scuole più bisognose.

 

Nel 2019, sono statia cquistati 25 banchi da lavoro per l’Istituto delle Belle Arti di Panzi.

IMG_1811_edited.jpg

Vuoi sostenere
questo progetto?

Scegli l'importo della tua donazione spontanea e se renderla periodica nel tempo

IMG_1794.CR2
ClipartKey_1042663.png
E_SDG_PRINT-04.jpg
  • 4.1 By 2030, ensure that all girls and boys complete free, equitable and quality primary and secondary education leading to relevant and Goal-4 effective learning outcomes.

  • 4.4 By 2030, substantially increase the number of youth and adults who have relevant skills, including technical and vocational skills, for employment, decent jobs and entrepreneurship.

E_SDG_PRINT-17.jpg
  • 17.3 Mobilize additional financial resources for developing countries from multiple sources.